Il 16 novembre 1974 fu trasmesso un segnale radio
dall'Osservatorio di Arcebio all'ammasso globulare M13,
lontano circa 25.000 anni luce e alto sul piano della Via Lattea.
Il segnale conteneva 1679 bit
di informazione;
1679 è uguale al prodotto di 23
bit di base e 73 di altezza,
formando l'immagine qui di fianco.

All'inizio del MESSAGGIO
si dice che i numeri
vengono espressi in codice binario,
poi si specificano
i numeri atomici degli elementi idrogeno,
carbonio, azoto, ossigeno, e fosforo,
di cui noi siamo principalmente costituiti.

In questi termini:
i blocchi verdi e blu rappresentano,
i nucleotidi e la doppia elica del DNA.
Il blocco bianco verticale
rappresenta il numero
di nucleotidi nei geni della creatura
in colore rosso,
la cui popolazione totale
è espressa dal numero
alla sua destra
e l'altezza dal numero
alla sua sinistra (in unità
della lunghezza d'onda
della trasmissione, cioè 12,6 cm).

In giallo è rappresentato il sistema
planetario della creatura,
con il terzo pianeta
posto in evidenza;
in violetto,
infine, il radiotelescopio
che trasmette il messaggio,
le cui dimensioni
sono date in basso.

Torna alla HOME

Foto: Courtesy www.astrofotoperissinotto.org